Per ragioni di sicurezza, Microsoft imporrà il passaggio a Oauth v2 entro la fine del 2021. Noi lo abbiamo già implementato in quanto facilita l'accesso, ma richiede alcuni passaggi preliminari.

Autorizzare il CRM a connettersi con Oauth

Per abilitare applicazioni terze ad accedere, bisogna autorizzarle preventivamente.

Per fare questa operazione, va incollato il seguente link nel browser dopo aver apportato le modifiche elencate:

https://login.microsoftonline.com/_<TenantID>_/oauth2/authorize?client_id=_<AppID>_&response_type=code&prompt=admin_consent

rimpiazzare

<TenantID> con il proprio Tenant ID. Questa informazione è disponibile nella prima pagina di configurazione su Azure Active Directory nel portare di Azure.
<AppID> con l'Application ID (spesso riportato come Client ID) dell'applicazione che si vuole consentire. Nel caso del CRM ne abbiamo due riportate a seguito:

CRM in Cloud OAuth2 - Mail
2e0bbaeb-05f3-45ab-8bfd-0ff39f114d6a

CRM in Cloud OAuth2 - EWS
97b6deef-139a-407e-9e8a-5384a41c05f7

Quindi basta aprire il browser e visitate l'URL modificato come administrator. Verrà visualizzata una form di consenso,nella quale verrà richiesto di accettare per la propria organizzazione. Non venendo passato un indirizzo di redirect_uri si verrò portato ad una pagina bianca, ma non è un problema.

Procedura alternativa dal sito di Azure Active Directory

In alternativa, dopo aver tentato almeno un accesso dal CRM, accedere al portare di Azure Active Directory.

Andare su Tutti i servizi => Applicazioni aziendali.

Qui troveremo un elenco con varie applicazioni abilitate sul proprio profilo.

AAD - CRM App

Selezioniamo quelle contrassegnate come CRM in Cloud OAuth2 (ripetiamo l'operazione sia per EWS che per Mail)

Nella schermata che compare andiamo sulla voce Autorizzazioni e clicchiamo su Concendi consenso amministratore per crmincloud

Ora l'accesso è consentito.
È stato utile questo articolo?
Annulla
Grazie!